Contenuto principale

Messaggio di avviso

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Clicca Qui per ulteriori informazioni.

COMUNE di SAN DONATO DI LECCE - Frazione di GALUGNANO - Prov. di Lecce

COMUNICATO STAMPA

III Edizione Festa de Li Pampasciuni

GALUGNANO 04 marzo 2017

A Galugnano, nel solco dell' antica tradizione, si ripetono anche quest'anno il primo venerdì di marzo i  festeggiamenti in onore della Madonna dell'Addolorata comunemente detta la "Madonna de li Pampasciuni".
Ai festeggiamenti religiosi  farà da appendice la Festa di sabato 4 marzo organizzata dall'Amministrazione Comunale di San Donato di Lecce in collaborazione con la neo-nata Associazione di Promozione Sociale e Culturale "I GALLO" costituita prevalentemente da donne esercenti locali che puntano a promuove il territorio anche valorizzando le antiche tradizioni.


Soci fondatori del sodalizio sono Sabrina Poto (Presidente) e Gabriella Poto ( Ristorante "La Fabbrica"), Federica Pagano   (Bar Giovanna), Fabiola De Lorenzis (Ristorante Sapori in Corte),  Michela De Giorgi (Alimentari San Michele), Alessio Rizzo (Bar del Corso ) e Cinzia Dell'Anna.
In piazza Vittorio Emanuele saranno allestiti degli stand gastronomici con piatti a base di "pampasciuni" preparati secondo le antiche ricette del paese con a margine una gara gastronomica che premierà il piatto più succulento, il tutto con il sottofondo della musica popolare dei Terramara, Band di San Donato.
Alla manifestazione, dice il Consigliere Emanuele Dell'Anna,  parteciperà una rappresentanza della Confraternita del Pampascione Salentino e una delegazione della Pro-loco di Acaya, dove  nello stesso periodo si tengono analoghi festeggiamenti probabilmente per affinità storiche con la comunità di Galugnano che fu feudo di Giangiacomo dell'Acaya.
Questa edizione della Festa de Li Pampasciuni è frutto di una produttiva collaborazione tra Comune e titolari di esercizi pubblici di Galugnano, dice il Vice-Sindaco Maria Rosaria Tucci, che sottolinea come queste tradizioni possono rivivere al meglio portando vivacità nel paese e suscitando curiosità nei visitatori.